Barile (PZ) – Un arresto per atti persecutori, maltrattamenti e lesioni alla convivente

Atti persecutori, maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e tentata estorsione aggravata nei confronti della propria convivente. Sono le accuse con le quali un cittadino rumeno 42enne, domiciliato a Barile, è stato arrestato dai carabinieri della compagnia di Melfi. I militari, a  seguito della denuncia sporta dalla convivente, hanno accertato che l’uomo la maltrattava e la sottoponeva ad atti persecutori da circa un anno. L’ultimo episodio si è verificato ieri, quando lo straniero, dopo aver minacciato la donna con un’ascia per costringerla a licenziarsi ed a consegnargli lo stipendio, l’ha percossa con calci e pugni, provocandole varie escoriazioni e lesioni. L’ascia è stata sottoposta a sequestro, mente l’uomo è stato arrestato.

Lascia un Commento