Avellino-Salernitana: è il momento del Derby

E’ il giorno del derby, dell’attesa straregionale annacquata dalle difficoltà di classifica che vivono Avellino e Salernitana, dall’assenza di una cornice di pubblico adeguata, ma pur sempre straregionale di razza. Biancoverdi e granata si affronteranno con la consapevolezza di essere, probabilmente, giunti ad un bivio; necessario imboccare la strada giusta, quella che dovrà portare di filato alla salvezza. Vale il “campanile”, vale molto di più la classifica che per entrambe, a prescindere dal percorso fatto, non sembra promettere nulla di buono. L’Avellino è partito male, pianissimo, quasi camminando, ma ha trovato, con l’avvento di Campilongo, passo e ritmo; viceversa la Salernitana è partita fortissimo ma poi ha rallentato tanto da essere costretta a cambiare il conducente. Impossibile scrutare, invece, i pensieri di Mutti e Campilongo tenuti precauzionalmente in silenzio al pari dei giocatori. La Salernitana affronta il test del Partenio da “malata” avendo collezionato quattro sconfitte consecutive; l’Avellino, invece, dopo una vorticosa risalita, frutto di otto risultati utili consecutivi, ha nuovamente frenato. Aspetta il derby per ripartire di slancio. Lombardi ha provato anche a giocare d’anticipo rafforzando, così, la scelta del cambio alla guida tecnica registrato all’indomani della sconfitta con il Livorno. Il patron granata, spalleggiato da Fabiani, stratega del “nuovo corso”, pensa anche all’incoraggiante precedente del 2004 quando a Messina, Mutti prese il posto di Patania, per espressa volontà di Fabiani, dopo una sonora batosta con il Livorno e alla vigilia della gara di Avellino dove, poi, i peloritani si imposero di misura. Scaramanzia! C’entra anche questa. Serve tutto alla Salernitana per dimostrare che l’incredibile rovescio degli ultimi due mesi è da ascrivere solo e soltanto alla conduzione tecnica della squadra, quindi a Castori, e non ad altro. Di certo Mutti non sconfesserà il suo predecessore ricalcando in toto le scelte di copione e interpreti.

Lascia un Commento