Attracca al porto di Salerno la nave con a bordo 934 migranti

21esimo sbarco al porto di Salerno. E’ arrivata poco dopo le 6 al Molo Manfredi la nave Prudens di Medici Senza Frontiere con a bordo 934 migranti, 793 uomini e 125 donne di cui 7 incinte e una in travaglio, la prima a scendere. A bordo anche un ragazzo ferito di 30 anni trasportato subito in ospedale.

A bordo anche 16 minori non accompagnati e dei richiedenti asilo. Non sono segnalati casi sanitari di rilievo.

150 verranno accolti in struttura della regione Lombardia, 100 in Campania, altrettanti nel Lazio (Frosinone, Latina, Viterbo), 80 in Piemonte, 55 in Veneto, 50 in Emilia-Romagna e altrettanti in Abruzzo, Molise, Umbria, Marche.

All’arrivo della nave però al porto di Salerno non erano ancora giunti i pullman per il loro trasferimento.

I migranti provengono prevalentemente da Gambia, Nigeria e Marocco

È giusto – ha sottolineato il prefetto di Salerno, Salvatore Malfi – che i sindaci di tutte le città diano un contributo al sistema di sbarco e di accoglienza perché caricare solo sui porti di alcune città potrebbe determinare un impatto più pesante. Salerno ha una capacità organizzativa di collaborazione istituzionale sul territorio tale da poterci consentire di gestire anche sbarchi più consistenti come stanno avvenendo in questo periodo. L’invito che rivolgo ancora una volta a tutti è quello di collaborare. Un’equa distribuzione sul territorio potrà consentire di avere maggiore serenità per tutti.

Critico il sindacalista Cgil Anselmo Botte secondo cui “La maggior parte dei sindaci che hanno optato per l’accoglienza sono della zona a Sud di Salerno, manca la parte più consistente che è quella dell’Agro-Nocerino Sarnese. Ho sentito sindaci di grandi città parlare di carenza strutture, quando, invece, queste ultime ce ne sono in abbondanza”

Lascia un Commento