Atto Aziendale ASL Salerno, accolte richieste per Sapri Polla e Sant’Arsenio

L’ASL Salerno ha approvato il nuovo atto aziendale. Soddisfazione nel Golfo di Policastro e nel Vallo di Diano per la modifica di alcune previsioni contenute nella bozzaper gli ospedali di Polla, Sant’Arsenio e Sapri.

Per quanto riguarda l’ospedale di Sapri, sono state accolte le istanze del territorio. L’atto aziendale pubblicato prevede per il presidio dell’Immacolata 114 posti letto, vengono inoltre attivati nuovi servizi come Cardiologia, Medicina di Urgenza e Lungodegenza e vengono mantenuti tutti i reparti che dovranno garantire la sicurezza e la salute dei cittadini (Rianimazione, Ortopedia, Chirurgia, Medicina, Trasfusionale, Ostetricia,Pediatria, Radiologia, Dialisi, Gastroenterologia). Mantenuto anche Endoscopia che sarà potenziato sviluppando il servizio di GOI (Gruppo Oncologico Interdisciplinare) che prevede la gestione, prevenzione e sorveglianza delle patologie preneoplastiche, oltre allo screening di primo e secondo livello del cancro del colon. L’amministrazione comunale di Sapri però fa sapere che il personale è ancora numericamente carente e che ad oggi è insufficiente per garantire un adeguato livello di assistenza al territorio.

Nell’atto aziendale sono state accolte anche le richieste dagli ospedali di Polla e Sant’Arsenio nel Vallo di Diano. Soddisfatto Sergio Annunziata, presidente della Conferenza dei Sindaci dell’ASL di Salerno.

Restano attivi infatti a Polla i reparti di urologia e geriatria, inoltre il Vallo di Diano mantiene sul territorio il Sert (Servizio per le Tossicodipendenze), il centro trasfusionale e Psichiatria. I posti letto in totale sono 212. Polla conferma anche il suo ruolo di presidio di pronto soccorso della rete dell’emergenza ed è identificato come spoke nella rete per l’Ictus cerebrale e spoke per l’emergenza cardiologica, nonché PST (Principale Servizio Sanitario) nella rete Trauma e spoke I nelle emergenze pediatriche. È programmato inoltre un Servizio di Oncologia in regime ambulatoriale.

Sant’Arsenio invece diventa ospedale di comunità con 20 posti letto

Lascia un Commento