Attentato esplosivo alla sede vescovile di Avellino, solidarietà di De Luca e della Caritas Salerno

E’ arrivata la solidarietà e la vicinanza anche del governatore della Campania De Luca al vescovo di Avellino, Arturo Aiello, e a tutta la Diocesi per l’attentato esplosivo compiuto da un uomo originario della provincia di Salerno, un 43enne disoccupato che vive in Irpinia.

Ieri pomeriggio, l’uomo ha fatto esplodere tre bombolette di gas da camping in prossimità del portone del palazzo vescovile. 

“Il nostro primo pensiero in questo momento va ai feriti nell’attentato, tra cui il direttore della Caritas Carlo Mele”, ha dichiarato De Luca sui social che augura loro una pronta guarigione. Per il presidente della Regione Campania, si tratta di un atto di una gravità inaudita che colpisce tutta la città di Avellino e su cui va fatta piena luce punendo ogni responsabilità.

E’ giunta anche la solidarietà del direttore della Caritas di Salerno, don Marco Russo, a nome suo di tutti gli operatori e dei suoi volontari. “Purtroppo lo stato di profonda prostrazione e frustrazione nel quale scivolano fasce sempre più ampie della popolazione, a causa della perdurante crisi economica e di valori – afferma don Marco Russo – può spingere i più fragili a commettere anche atti estremi. Atti da condannare senza mezzi termini, ma sui quali è giusto fermarsi a riflettere e che ci aiutano a capire in quale triste direzione sta andando questa nostra società”, così il direttore della Caritas di Salerno.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento