Associazione di tipo mafioso, arrestate 8 persone a Cava de’ Tirreni

Sette persone oggi pomeriggio sono finite in carcere ed una ai domiciliari a Cava de’ Tirreni per l’accusa di associazione di tipo mafioso.

I provvedimenti cautelari sono stati eseguiti dalla Dia e scaturiscono dagli sviluppi giudiziari dell’operazione “Hyppocampus” che lo scorso 13 settembre aveva portato all’esecuzione di 11 ordinanze di custodia cautelare in carcere e 3 agli arresti domiciliari nei confronti di indagati ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione di tipo mafioso, estorsione e usura commessi con l’aggravante del metodo mafioso.

A queste pesanti accuse si aggiungeva anche quella di associazione per delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di stupefacenti. Si tratta del gruppo capeggiato da Dante Zullo.

Gli indagati avevano presentato ricorso al Riesame e 8 di loro, gli stessi che oggi sono stati arrestati nuovamente, avevano ottenuto un parziale accoglimento del ricorso, riqualificando, in particolare, il reato di associazione di tipo mafioso. La Procura di Salerno aveva però impugnato la decisione del Riesame rivolgendosi alla Corte di Cassazione che ha poi annullato con rinvio l’ordinanza del Riesame di Salerno.

Lo stesso Tribunale ha emesso una nuova ordinanza di custodia cautelare, eseguita dalla DIA di Salerno, in cui tutti gli 8 destinatari vengono ritenuti responsabili del reato di associazione di tipo mafioso.

Lascia un Commento