Assegni fantasma nell’agro nocerino sarnese. 13 indagati e maxi sequestro

La Guardia di Finanza di Salerno ha eseguito un decreto di sequestro preventivo per circa 700mila euro nei confronti di 13 persone, tutti residenti nell’Agro Nocerino Sarnese, ritenuti responsabili di falso e truffa aggravata per conseguire erogazioni pubbliche. 

I 13 indagati avrebbero infatti percepito indebitamente contributi gestiti da Invitalia per l’inserimento di disoccupati nel mondo del lavoro. Avvalendosi di 2 società riconducibili a due coniugi di Angri, il gruppo di truffatori ha richiesto e ottenuto sussidi pubblici, presentando fatture per l’acquisto di beni di fatto inesistenti. Falsa anche la documentazione presentata per ottenere i fondi.

L’indagine ha puntato l’attenzione sui titoli di credito inviati in copia all’ente erogatore dei soldi a riprova delle spese effettuate. Assegni di fatto “fantasma” che hanno permesso di ricostruire la complessa attività criminosa.

Ad oggi sono stati sequestrati beni materiali e immateriali per oltre 370mila euro agli indagati, nei comuni di Salerno, Napoli, S.Antonio Abate, Pompei, Battipaglia, Castel San Giorgio, San Marzano sul Sarno 

Lascia un Commento