Arte salernitana in lutto, scompare il pittore e ceramista Mario Carotenuto

E’ un giorno triste per il territorio salernitano.

E’ venuto a mancare il pittore e ceramista Mario Carotenuto, nato a Tramonti. Aveva 95 anni.

Per 70 anni Carotenuto ha ripreso la bellezza della natura, della sua terra e molti dei suoi abitanti.

Appena dieci giorni fa era presente presso la sala San Tommaso del Quadriportico del Duomo di Salerno per la mostra “Mario Carotenuto autoritratto degli anni Settanta”.

La mostra tra l’altro resterà aperta fino al 5 novembre ed è composta da ben 40 autoritratti scelti tra quelli che l’artista ha realizzato, dagli anni sessanta ai novanta.

Lo stesso Carotenuto ha definito questo periodo una “stagione magica” in cui la città si apriva a nuove energie e a nuove capacità immaginative.

Cordoglio è stato espresso anche dall’amministrazione comunale di Salerno e dal sindaco Napoli con una nota

“Con la scomparsa di Mario Carotenuto se ne va un pezzo della storia culturale e artistica della nostra città. Al maestro, alcuni anni fa, gli venne conferita dall’allora sindaco De Luca la cittadinanza onoraria di Salerno; questo a riprova di quanto fosse diventato un simbolo della nostra terra. Viveva nel cuore del centro storico, alle spalle del Duomo in quello che era anche il suo studio, dove immaginava e creava le sue opere. Il suo presepe dipinto era ed è un appuntamento immancabile per i salernitani e per i tantissimi visitatori che affollano le sale del Duomo di Salerno dov’è collocato nel periodo natalizio. Quest’anno sarà diverso ammirarlo senza di lui, ma sarà anche un’occasione per ricordarlo in tutta la sua grandezza di artista e di uomo. Fu proprio il suo presepe, negli anni Ottanta, a dare vita e a contribuire alla rinascita del centro storico, allora degradato e abbandonato a se stesso. L’amministrazione comunale tutta è rattristata da questa perdita.”

Lascia un Commento