Arresti nella Piana del Sele e nell’Agro Nocerino, la Finanza scopre false assunzioni

Cinque arresti sono stati eseguiti dalla Guardia di Finanza di Salerno che ha anche eseguito 5 perquisizioni domiciliari nei confronti di altrettanti indagati accusati, a vario titolo, di aver fornito ed utilizzato false certificazioni per attestare rapporti lavorativi fittizzi di lavoratori stranieri in aziende agricole compiacenti. Lo scopo era di ottenere il rinnovo del permesso di soggiorno, mentre nel caso dei lavoratori italiani, solo per beneficiare di indennità non spettanti.

Gli indagati, residenti nella Piana del Sele e nell’Agro nocerino, sono gravemente indiziati di essersi associati al fine di favorire l’immigrazione clandestina, la contraffazione di documenti per il rilascio o il rinnovo del permesso di soggiorno, truffa ai danni dello Stato e falso.

L’operazione che oggi ha portato ai 5 arresti domiciliari è la prosecuzione di un’attività d’indagine che si era conclusa nel mese di luglio scorso con l’esecuzione di due ordinanze di custodia ai domiciliari per il titolare e la segretaria di un centro di assistenza fiscale (CAF) di Montecorvino Rovella.

Con l’operazione di oggi sono stati arrestati i tre titolari delle aziende agricole dell’Agro Nocerino-sarnese e della Piana del Sele che, in associazione con i due professionisti, avevano predisposto le fittizie attestazioni di assunzione attraverso le quali sono stati tratti in inganno gli uffici preposti che hanno erogato indennità di disoccupazione, malattia o maternità.

Lascia un Commento