Arrestato dipendente della Amalfi Mobilità accusato di truffa e peculato

Radio ALFA, LIVE • LOCAL • SOCIAL
Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

Un dipendente della società municipalizzata che ad Amalfi gestisce i parcheggi ieri è stato arrestato dai carabinieri per i reati di truffa e peculato.

E’ un 65enne dipendente di “Amalfi Mobilità surl”.

Le manette sono scattate a seguito di un mirato servizio di osservazione e pedinamento condotto dagli uomini dell’Arma, che più volte avevano ricevuto segnalazioni dal parcheggio sul porto del Lungomare dei Cavalieri. Gli automobilisti avevano segnalato la circostanza inusuale di consegnare la somma per il pagamento della sosta direttamente all’operatore, invece che inserirla nell’apposita cassa automatica.

 

I carabinieri hanno fatto degli accertamenti verificando personalmente anche attraverso immagini di videosorveglianza, che il 65enne, in due circostanze differenti, si è fatto consegnare da due turisti stranieri, i soldi per il pagamento del parcheggio invece di inserire il dovuto nell’apposita cassa continua, consegnando ai turisti un chip-coin “scarico” che apriva la sbarra posta all’uscita del parcheggio con un pulsante di emergenza. 

I militari hanno effettuata anche una perquisizione nei confronti di un altro dipendente della stessa società municipalizzata di Amalfi, di 62 anni. Il 65enne invece è stato arrestato e messo ai domiciliari, in attesa del rito direttissimo che si svolgerà al Tribunale di Salerno.

Le indagini proseguono per approfondire se ci sia il coinvolgimento di altri soggetti nella vicenda.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento

Contattaci whatsapp