Angri, protestano i lavoratori del depuratore

Sono saliti sulla sommità di una vasca di raccolta dell’impianto di depurazione di Angri i lavoratori del depuratori di Angri che di nuovo protestano per i ritardi nel pagamento dello stipendio.

Gli operai hanno percepito solo metà della mensilità di aprile.

Il 24 maggio, i 21 operai avevano inscenato un sit in incassando anche la vicinanza dei sindaci di Angri e Sant’Egidio che si erano uniti alla manifestazione di protesta, impegnandosi in prima persona a chiedere un incontro all’assessore regionale Bonavitacola giacchè a quanto pare i ritardi nel pagamento delle spettanze alla ditta interessata dipenderebbero da Palazzo Santa Lucia. L’impianto infatti è regionale ma è gestito da una ditta privata. 

Al momento non ci sono novità su questo fronte.

Secondo la nuova legge regionale presto la struttura dovrebbe essere affidata alla Gori.

Lascia un Commento