Angri, in un’area industriale dismessa nasce un Centro di Cultura per il Teatro e la Canzone Napoletana

Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo
Radio ALFA, LIVE • LOCAL • SOCIAL

“La cultura è un sentimento”. Questa frase cara al maestro e compositore Sergio Bruni è alla base del progetto di Gianluigi Esposito che sta realizzando un progetto ambizioso e affascinante: trasformare, a poco a poco, un’area industriale dismessa nella periferia di Angri,  in via Orta Longa traversa De Vivo, in uno spazio dedicato all’arte.

E’ su queste intenzioni che nasce il Centro di Cultura per il Teatro e la Canzone Napoletana intitolato proprio a Sergio Bruni, il maestro e punto di riferimento per generazioni di interpreti e autori, a cui Gianluigi Esposito, musicista di professione, è stato vicino negli ultimi anni di vita. L’inaugurazione domenica 3 novembre, alle ore 11:30. Nella stessa area, qualche anno, era stata espressa anche la volontà di creare un sito di stoccaggio dei rifiuti con non poche polemiche. 

Il proprietario, Tonino Chiavazzo, ha messo a disposizione gratuitamente l’intera struttura.

 

Il centro è già operativo con un laboratorio teatrale permanente diretto da Gianfranco Gallo, una sala teatrale, una sala espositiva e un importantissimo archivio di materiale musicale, fotografico, teatrale raccolto negli anni da Gianluigi Esposito.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento

Contattaci whatsapp