Angri, bene confiscato alla criminalità diventa casa famiglia per minori. L’intervista

Un bene confiscato alla criminalità ad Angri sarà destinato alla realizzazione di una casa famiglia per minori, dove ospitare ragazzi che attualmente vivono in strutture esterne, poiché allontanati dalla famiglia su richiesta del Tribunale dei Minori.

I referenti dell’ “Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati” hanno incontrato gli amministratori di Angri per sottoscrivere la consegna al comune del bene che si trova su Corso Vittorio Emanuele e che è composto da un ampio appartamento e da un garage.   

Soddisfatta l’amministrazione retta da Cosimo Ferraioli, intenzionata ad acquisire al patrimonio dell’Ente anche altri beni, per dare alla comunità altre possibilità di azioni nel sociale.

Abbiamo incontrato l’assessore con delega al Patrimonio, Caterina Barba

Angri beni confiscati

Lascia un Commento