Ancora un intervento eccezionale al Ruggi di Salerno nel reparto di Gravidanza a Rischio

Ancora un intervento eccezionale all’ospedale Ruggi d’Aragona di Salerno, nel reparto di Gravidanza a rischio. Lo scorso agosto è nata Gloria, venuta alla luce alla 26esima settimana, e dopo un calvario lungo diversi mesi, da pochi giorni è tornata a casa, in ottima salute, per la gioia dei genitori Lorena e Cataldo, residenti nel comune potentino di Brienza. La donna, incinta di pochi mesi, apprese che la gravidanza era a rischio a causa di un patologico assottigliamento della parete dell’utero, grave e rara patologia che può portare anche all’asportazione dell’utero, con l’impossibilità di una successiva gravidanza.

Lorena fu indirizzata al Ruggi di Salerno, dove è stata seguita nel reparto di “Gravidanza a rischio”, presso il quale fu sottoposta ad esami e a terapie appropriate. Fino alla 26esima settimana, quando a causa della mancanza totale del liquido amniotico il dottor Raffaele Petta decise di far nascere la bambina, pur consapevole dell’alto rischio che la piccola non sopravvivesse. Nacque di 600 grammi appena, e fu ricoverata in Terapia Intensiva Neonatale, dove è notevolmente migliorata, fatta eccezione per un problema agli occhi per il quale è stata sottoposta con successo ad un intervento a Napoli. Da pochi giorni la piccola è tornata a casa e i genitori hanno voluto ringraziare l’intera equipe per quanto fatto.

Lascia un Commento