Ambiente, operazione a tutela del fiume Sarno. Sequestrate quattro aziende

Radio ALFA, LIVE • LOCAL • SOCIAL
Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

Nella mattinata odierna i Carabinieri del Comando Gruppo per la Tutela Ambientale di Napoli, in esecuzione di quattro decreti di sequestro preventivo hanno proceduto al sequestro di quattro aziende operanti nel settore della metallurgia pesante e dell’attività conserviera nei Comuni di Striano (NA), Pagani (SA) e Scafati (SA), i cui legali rappresentanti sono ritenuti responsabili, tutti, di scarico abusivo di reflui industriali e abbandono di rifiuti speciali pericolosi, e in un caso anche di emissioni in atmosfera senza autorizzazione.

L’azienda sequestrata a Pagani opera nel settore della produzione e commercializzazione di conserve alimentari. I titolari sono accusati di scarico delle acque reflue industriali provenienti dall’attività di lavorazione in assenza di autorizzazione.

 

L’azienda di Scafati invece opera nel settore della lavorazione e commercializzazione di prodotti ortofrutticoli, e in questo caso avrebbe effettuato lo scarico nella pubblica fognatura delle acque reflue industriali provenienti dall’attività di lavorazione in assenza di autorizzazione, scaduta da 5 anni e per aver smaltito illecitamente i rifiuti speciali provenienti dall’attività produttiva negli ultimi 3 anni.

Altre due aziende sono a Striano e Sant’Antonio Abate. I sequestri operati oggi si inseriscono in una più ampia e articolata attività investigativa finalizzata ad accertare le cause dell’inquinamento del fiume Sarno

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento

Contattaci whatsapp