Alta velocità ferroviaria, a rischio la fermata nel Vallo di Diano

Super Fibra 1000 Mega Open Fiber

Nella visione di Rete Ferroviaria Italia che ha candidato i progetti per il Next Generation Eu, il cambio di paradigma per l’intero Sud: un progetto, quello dell’Alta Velocità Salerno-Reggio Calabria.

L’intera opera, una volta ultimata, conterà 445 km di linea ferroviaria per un costo di realizzazione pari a 22.8 miliardi di euro e consentirà di ridurre notevolmente i tempi di percorrenza che da Roma a Reggio Calabria saranno di 3 ore e 40 minuti.

Il progetto si divide in sette lotti funzionali, quattro ora prioritari e riportati nel piano commerciale straordinario di RFI: Battipaglia-Praia a Mare-Aieta-Tortora (lotto 1), Praia a Mare-Aieta-Tortora-Tarsia (lotto 2), Tarsia-Montalto (lotto 3) e Montalto-Lamezia Terme (lotto 4).

40 milioni di euro stanziati dal DL Rilancio solo per lo studio di fattibilità.

Il nuovo progetto di RFI sull’Alta Velocità tra Salerno e Praia, passante per il Vallo di Diano, ha portato ad una sorta di “diatriba” con il vicino Cilento che sostiene di rimanere “escluso” dal nuovo tracciato Alta Velocità. Nel silenzio assoluto però a questo obiettivo ha lavorato anche la classe politica della Basilicata che chiede al governo la fermata alta velocità a Lagonegro, tra l’altro unica fermata in Basilicata.

 

Per ricevere le nostre notizie in tempo reale, unisciti gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Super Fibra 1000 Mega Open Fiber

Lascia un Commento