Alluvione di Salerno, 25-26 ottobre 1954. Per non dimenticare

E’ ancora vivo nella comunità salernitana il ricordo della tragica notte del 25-26 ottobre del 1954 quando una tragica alluvione colpì la Costiera Amalfitana e la città di Salerno.

La grave catastrofe fu causata da precipitazioni meteoriche di portata eccezionale.

La zona maggiormente colpita fu quella delle città di Vietri sul Mare, Cava de’ Tirreni, Salerno, Maiori, Minori, Tramonti.

Ci furono frane, crolli, strade e ferrovie distrutte, case spazzate via.

Una frana spazzò via il villaggio di Molina e un vicino ponte dell’acquedotto, chiamato “Ponte del Diavolo”.

In tutto si contarono (fra morti e dispersi) 318 vittime, 250 feriti, e circa 5.500 senzatetto.

Lascia un Commento