Allerta meteo arancione in Campania. A Salerno, Cava de’ Tirreni, Sarno e Nocera Inferiore le scuole non riaprono

E’ stata estesa a tutta la Campania, dalle 22 di questa sera e prorogata di ulteriori 24 ore, l’allerta meteo della Protezione civile della Regione Campania di colore “arancione”.

Il rischio idrogeologico previsto sarà diffuso con una instabilità di versante localmente anche profonda. E’ previsto anche un innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua minori.

Decisioni precauzionali sono state prese anche sul territorio salernitano.

Il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli, ha disposto per la giornata di domani, 11 settembre, la chiusura, in via precauzionale, di ogni scuola di ordine e grado a seguito dell’allerta meteo. L’ordinanza di chiusura per pubblica incolumità si riferisce ai soli istituti scolastici che avevano deciso l’apertura anticipata. 

Il sindaco di Cava de’ Tirreni, Vincenzo Servalli, ha disposto la chiusura di tutte le scuole cittadine nella giornata di domani 11 settembre (la riapertura quindi slitta a martedì 12) e l’evacuazione di 16 famiglie residenti in località San Felice sul versante nordest del territorio comunale. L’ordinanza è stata emessa al termine della riunione del Centro operativo comunale svolta questa mattina alla luce dell’allerta meteo arancione. Per le famiglie evacuate è stato allestito un ricovero provvisorio nella scuola media «Balzico», frazione Santa Lucia.

Al contrario di quanto previsto, non riapriranno le scuole domani neanche a Sarno. Lo ha deciso il Sindaco Giuseppe Canfora in via precauzionale.

Il sindaco di Nocera Inferiore, Manlio Torquato, invita invece tutti i cittadini a non sostare in prossimità dei corsi d’acqua, nei sottopassi, negli alvei strada, nei piani seminterrati e nei piani terra vicini ai corsi d’acqua per le prossime 24 ore. Inoltre invita tutti i cittadini a mettere in sicurezza i propri autoveicoli. L’invito è rivolto in particolare ai cittadini delle aree a bassa pendenza o comunque soggette a fenomeni di allagamento con particolare riguardo alle aree interessate da eventi alluvionali in passato come località Villanova, San Mauro, e Casarzano, nonché lungo i corsi d’acqua (Alveo Comune Nocerino, Solofrana, Cavaiola).

AGGIORNAMENTO: domani scuole chiuse anche a Nocera Inferiore

Il sindaco di Pagani, Salvatore Bottone, si è invece recato di persona presso la sede della Protezione Civile Papa Charlie. E’ escluso per ora lo stato di allerta.

Nel Vallo di Diano, il sindaco di Teggiano, Michele Di Candia, ha deciso di prendere una serie di precauzioni per i residenti in aree riconosciute a rischio di inondazione: evitare di soggiornare e dormire a livelli inondabili; predisporre paratie a protezione dei locali situati al piano strada, chiudere bloccare le porte di cantine e seminterrati e salvaguardare i beni mobili collocati in locali allagabili; porre al sicuro la propria autovettura in zone non raggiungibili dall’allagamento; non sostare sotto piante e cornicioni; fare attenzione a possibili allagamenti, a ristagni ed allo scorrimento superficiale delle acque meteoriche nelle sedi stradali; a causa di venti forti: prestare attenzione alle strutture soggette a sollecitazioni

Lascia un Commento