Albanella (SA) – Operaio suicida, mille persone ai funerali

Tanta gente, almeno mille persone, si è stretta ieri intorno alla famiglia di Nicola Carrano, l’operaio di 62 anni, che giovedì pomeriggio si è tolto la vita nella sua casa di Albanella, perché rimasto senza lavoro. Accanto al corpo i famigliari hanno trovato una lettera nella quale spiegava i motivi dell’insano gesto.

I funerali si sono è svolti nella piccola chiesa di san Gennaro, nella frazione Matinelle. Alla cerimonia era presente anche l’amministrazione comunale, con in testa il sindaco Giuseppe Capezzuto. Nicola Carrano, sposato e padre di tre figli, cercava lavoro da circa un anno, dopo essere stato licenziato da una ditta di calcestruzzi dove lavorava come autista. La famiglia ha fatto affiggere un manifesto mortuario in cui ha denunciato la situazione in una breve frase: “Da parte della famiglia Carrano: tutto questo a causa dello Stato. Grazie”.

Lascia un Commento