Al cinema “Credo in un solo padre” del regista salernitano Luca Guardabascio

Super Fibra 1000 Mega Open Fiber

Dopo mesi di stop, uno dei momenti più attesi è quello del ritorno in sala nei cinema italiani.

E, per ritornare a vivere il Cinema come esperienza di intrattenimento e sociale, non poteva mancare un’opera toccante e reale che ha sorpreso critica e pubblico: “Credo in un solo padre”, il film pluripremiato contro la violenza sulle donne, opera prima del regista Luca Guardabascio, oggi ospite a Radio Alfa

 

Ascolta
Guardabascio su nuovo film
Il file audio (podcast) di questa notizia scadrà dopo 30 giorni dalla data di pubblicazione. Successivamente sarà possibile richiederlo via Email.

In un’imprecisata località tra Campania e Basilicata, la vita di una famiglia è costellata di violenza domestica quotidiana. Giuseppe è un padre padrone. Violento. Dispotico. Feroce. Nel paese nessuno vede. Nessuno sente. Nessuno parla. Ma tutti sanno. E così diventano tutti complici di quello squallore, di quella schiavitù. L’indifferenza è più forte della loro coscienza. Quando Gerardo, giovane padre di famiglia emigra in Austria per guadagnare più denaro così da permettere una vita più agiata alla moglie e ai due figli, la donna e i bambini restano a vivere nella fattoria del suocero. Questa assenza sarà l’inizio di un incubo che porterà Maria prima e la figlia poi ad essere vittime di abusi di un orco senza scrupoli. Eppure si può e si deve uscire dalla spirale di violenza; le giovani generazioni devono ribellarsi e bisogna lavorare sulle coscienze di chi, da troppi anni, è sordo alle richieste di aiuto. 

 

Per ricevere le nostre notizie in tempo reale, unisciti gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Super Fibra 1000 Mega Open Fiber
 

Lascia un Commento