Agropoli (SA) – Pensionati protestano per il blocco dei ricoveri

 

Il sindacato dei pensionati Spi-Cgil esprime profonda indignazione per il modo in cui viene trattata la problematica dei ricoveri all’ospedale di Agropoli e proclama lo stato di agitazione dei suoi iscritti e di quanti fanno riferimento al sindacato Cgil. In una nota, il sindacato parla di disfunzioni ospedaliere che vengono fatte pagare ai cittadini, con la decisione della direzione sanitaria dell’Ospedale agropolese di accorpare i due reparti di Utic cardiologia e di medicina d’urgenza, cancellando in tutto 12 posti letto. Secondo lo Spi-Cgil, per consentire a questo provvedimento di andare a regime sono stati bloccati i ricoveri e data una discrezionalità eccessiva al servizio 118 che dovrà selezionare per i ricoveri i casi da loro ritenuti più gravi.

 

Lascia un Commento