Agropoli, omicidio Borrelli, Nezar Mrabet resta in carcere. La decisione del Riesame

Resta in carcere Nezar Mrabet, il venticinquenne agropolese di origini tunisine arrestato per l’omicidio del ventunenne Marco Borrelli.

Lo ha deciso il Giudice del Tribunale del Riesame di Salerno rigettando la richiesta di domiciliari, avanzata dal difensore del reo confesso.

L’episodio era accaduto la sera del 7 aprile. Il 25enne avrebbe ucciso il rivale in amore con una coltellata alla gola, per motivi di gelosia. Era stato poi lo stesso Mrabet a confessare, pressato dagli investigatori di quanto aveva fatto.
Il corpo del ventunenne, di cui si erano perse le tracce era stato ritrovato per caso da un residente del posto. 

Marco Borrelli aveva iniziato una relazione con la ex compagna e madre dei due figli di Mrabet che lo considerava la causa del fallimento sentimentale.

Lascia un Commento