Agropoli: Forse l’alta velocità la causa dell’incidente mortale di ieri sera

Potrebbe essere stata l’eccessiva velocità delle vetture coinvolte nel sinistro la causa dello scontro costato la vita a 4 persone, ieri sera sulla Cilentana, la sp 430, tra le uscite di Agropoli nord e Agropoli sud. Emerge dalle indagini condotte dal sostituto procuratore di Vallo della Lucania, Alfredo Greco. Il contachilometri di una delle automobili coinvolte si è bloccato a 145 km orari. Stando alla ricostruzione del terribile schianto, due delle tre auto coinvolte sarebbero state in fase di sorpasso: la Fiat Bravo, sulla quale viaggiavano in direzione nord la 29enne Emma D'Auria, alla guida, e Annunziata Sorrentino, di 50 anni, entrambe di Cava dei Tirreni, si sarebbe scontrata frontalmente con una Mercedes "CLK" che sopraggiungeva sulla corsia opposta, guidata dal 43enne Gianfranco De Santis. Le due auto si sarebbero trovate a metà della carreggiata, tanto da non riuscire ad evitare l’impatto. I conducenti delle due auto sono morti sul colpo. La Sorrentino che viaggiava con D’Auria è morta durante il trasporto all'ospedale di Battipaglia. L’altra vittima, Vito Chechile, di Eboli, era alla guida di una Alfa Romeo 156, che forse è stata sorpassata dalla Mercedes CLK, che l'ha schiacciata, a causa del sollevamento del retrotreno seguito all'urto causato frontale. Insieme a Chechile viaggiavano la moglie, la figlia e la suocera, illese ma sotto shock.

Lascia un Commento