Agevolazioni sulla tassa dei rifiuti per pensionati con meno di 1000 euro al mese. La proposta della Cisl

Agevolazioni agli anziani che hanno pensioni al di sotto dei 1.000 euro sul pagamento della tassa per la raccolta dei rifiuti.

La proposta arriva dal segretario generale della Cisl Pensionati di Salerno, Giovanni Dell’Isola, che chiede al sindaco di Salerno e agli altri amministratori dei 157 Comuni del territorio provinciale di venire incontro a chi non arriva a fine mese.

Dell’Isola ricorda che otto pensionati su dieci in provincia di Salerno non superano la soglia di povertà che va oltre 1.000 euro. “Molte volte ci troviamo davanti a famiglie dove c’è un solo familiare a percepire la pensione, che magari serve anche per venire incontro alle esigenze dei figli che hanno un lavoro precario o meglio ancora di un altro nucleo familiare che vede anche dei nipoti al seguito”.

Con questo appello, il segretario dei pensionati Cisl si augura che il Comune di Salerno possa dare corpo a  quanto già realizzato a Torino, ma anche in altri Comuni, dove le organizzazioni sindacali dei pensionati hanno sottoscritto accordi con le varie Amministrazioni per rendere meno salata la bolletta dei pensionati  in difficoltà.

Secondo i pensionati della Cisl, dunque, il Comune di Salerno, come le altre Amministrazioni della provincia, possono dare vita a un fondo di agevolazioni per la Tari dedicato alle famiglie dei pensionati in difficoltà, magari finanziato con risorse recuperate da eventuali sprechi o da iniziative e attività non strettamente necessarie che sicuramente è possibile reperire tra le pieghe dei bilanci, magari anche con una piccola rinuncia ad una parte dei compensi dei consiglieri comunali  o degli assessori, seguendo il buon esempio di alcune amministrazioni  che l’hanno già attuato.

Lascia un Commento