Aeroporto di Salerno, il piano per potenziare e allungare la pista

Poco più di 50 ettari dovranno essere espropriati e 90 proprietari dovranno abbandonare terreni.

E’ quanto contenuto nel “Piano particellare d’esproprio”, un documento di 235 pagine che include tutte le visure catastali dei terreni e dei fabbricati che saranno interessati dai lavori per l’allungamento della pista e il potenziamento dell’aeroporto “Salerno- Costa d’Amalfi”.

I lavori dovranno essere cantierati entro, e non oltre, il 2018.

L’iter dovrebbe partire a breve secondo quanto dichiarato dagli amministratori dello scalo e dalla Gesac, la società che gestisce Napoli Capodichino e che, da giugno, incorporerà anche l’aeroporto salernitano.

Lascia un Commento