Adeguamenti canoni minimi, rischio fallimento per migliaia di piccole attività turistiche campane

Super Fibra 1000 Mega Open Fiber

Ennesimo grido d’allarme delle migliaia  di piccole attività commerciali che operano sulle aree demaniali della regione Campania: pubblici esercizi, chioschi, dehors, ambulanti e piccoli stabilimenti balneari. Gli adeguamenti dei canoni minimi mettono a rischio la sopravvivenza di migliaia di piccole attività turistiche.

 

“Questo giochetto di pura economia calcolata, per salvaguardare pochi a discapito di migliaia di imprese è insopportabile”, dichiara il numero uno di FIBA Confesercenti Campania Raffaele Esposito, secondo cui si è voluta trovare una soluzione, oggi insostenibile per migliaia di piccoli operatori economici, che prima pagavano un canone certamente basso che andava sicuramente  adeguato con criteri di proporzionalità  ma non quasi decuplicato. 

Si è passati mediamente da un canone minimo di poco meno  di 400 euro l’anno, al quale aggiungere poi tutte le altre tasse e tributi, ad un canone di partenza minimo di euro 2.500 euro. 

La proposta di FIBA Confesercenti Campania è quella di stoppare per gli anni 2021 e 2022 questi pagamenti riportarli alla precedente percentuale, perché liquidità, entrate  ed aspettative del comparto sono basse. Per di più queste nuove entrate non serviranno certamente alla valorizzazione della risorsa mare, alle politiche di accessibilità ed inclusività, alle emergenze erosione costiera e rischio idrogeologico visto che non sono entrate cosiddette vincolate. 

 

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Super Fibra 1000 Mega Open Fiber

Lascia un Commento