Addio a Luciano De Crescenzo, per De Luca “era il filosofo di Napoli”

Dopo Camilleri un altro esponente illustre della cultura italiana è scomparso: è morto oggi Luciano De Crescenzo, lo scrittore partenopeo, che aveva abbandonato la professione di ingegnere per la cultura.

Si è spento al Policlinico Gemelli dove era stato ricoverato. Debuttò come scrittore nel 1977 con “Così parlò Bellavista”, che vendette oltre 600mila copie.

“Luciano De Crescenzo è stato una delle figure più belle, più semplici, più rappresentative dell’umanità e della cultura meridionale. Il filosofo di Napoli, della nostra terra”. E’ quanto scrive sui social il presidente della Giunta regionale della Campania, Vincenzo De Luca. “Ha saputo interpretare al meglio il senso della storia che è dentro la gente del Sud: questo senso non significa solo non avere l’ansia, l’affanno e l’ossessione della corsa alla ricchezza – aggiunge – ma anche un senso umano delle relazioni tra gli uomini che forse è andato perdendosi negli ultimi tempi. Gli siamo infinitamente grati”.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento