Ad Agropoli sequestrata villa panoramica, nei guai una coppia

Una villa è stata sequestrata nella zona panoramica di Agropoli dalla Guardia di Finanza nell’ambito di un’indagine coordinata dalla Procura di Vallo della Lucania. La struttura appartiene ad una donna cilentana e al compagno e, secondo le accuse, sarebbe stata realizzata attraverso il riciclaggio di profitti ricavati da una vasta frode fiscale. La coppia per cercare di sfuggire al provvedimento aveva intestato la villa alla loro figlia di appena 10 anni.

I finanzieri della Compagnia di Agropoli hanno scoperto che lui, noto pregiudicato di Napoli, era l’amministratore occulto di una società napoletana coinvolta in un vasto “giro” di fatture false, i cui proventi sarebbero stati trasferiti sui propri conti correnti a titolo di compensi che in realtà erano fittizi. La compagna del pregiudicato, residente ad Agropoli, è risultata invece beneficiaria di numerosi bonifici per stipendi relativi ad un presunto rapporto di lavoro dipendente con un’altra impresa napoletana, anch’essa coinvolta nella stessa frode.

Una volta scoperta, la coppia di pregiudicati, ha intestato la villa alla figlia di appena 10 anni. I sigilli per l’immobile sono scattati ugualmente. La coppia è stata denunciata alla Procura vallese per i reati di riciclaggio e frode fiscale.

Lascia un Commento