Acqua: Cittadinanzattiva, Italia ne perde nei tubi il 33%. A Salerno oltre la meta’

L’acqua che si perde nelle tubature in Italia è in media del 33%, ma in alcune città come Salerno non arriva a destinazione oltre la metà della preziosa risorsa. Lo dice il nuovo rapporto dell'Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva sul 2013. Dal report emerge che in 11 capoluoghi viene dispersa "oltre la metà dell'acqua immessa nelle tubature": Il 55% a Salerno, Avellino e a Pescara, ma si arriva al 68% dell’Aquila e di Cosenza, il 62% di Latina e a Potenza il 52% dell’acqua si disperde lungo il percorso che porta agli utenti. 
Il costo che ne deriva per la risorsa idrica "sprecata" a livello nazionale è pari a 3 miliari e 700 milioni di euro ogni anno. Per Cittadinanzattiva, è un problema che è particolarmente accentuato al sud e al centro; va meglio il nord che presenta percentuali di perdite al di sotto della media nazionale, il 27%. 

 

Lascia un Commento