Accordo integrativo siglato per 650 dipendenti UniSa

E’ stato siglato nei giorni scorsi l'accordo integrativo di Ateneo che coinvolge circa 650 lavoratori del comparto tecnico-amministrativo dell'Università degli Studi di Salerno.

Secondo quanto riferisce la Cisl-Salerno, con l'accordo che ha validità biennale a partire dal 1° gennaio 2016 si stanzia la somma di circa 2 milioni e 600mila euro, di cui circa 700mila euro residui relative agli anni 2013, 2014 e 2015.

“Non è stato semplice arrivare ad un accordo con l’amministrazione – ha dichiarato Giuliano Grieco, della segreteria aziendale della Cisl Università di Salerno – troppi sono stati gli ostacoli e i vincoli normativi da superare per raggiungere l’accordo voluto dalla nostra organizzazione sindacale”. Per il dirigente Cisl, l’accordo rappresenta un risultato importante, che scrive una nuova pagina per le relazioni sindacali, non solo nell’ateneo salernitano, ma in tutti gli atenei pubblici del Paese.

L’accordo coinvolge tutto il personale tecnico-amministrativo, prevedendo una procedura di progressione economica orizzontale per tutti gli aventi diritto e un compenso economico diretto ad incentivare la produttività-performance per il personale “apicale”, distinguendolo in due fascia e destinando maggiore risorse economiche agli apicali storici.

L’accordo, inoltre, prevede un incrementato del 30% dell'indennità di responsabilità per il personale destinatario di incarico.

Lascia un Commento