A Sant’Arsenio, 26enne preso da raptus, si barrica in casa e minaccia di uccidersi con un machete.

Si è barricato in casa minacciando di farsi del male con un machete e coltelli e solo dopo diverse ore i carabinieri sono riusciti a bloccarlo. E' cominciato tutto ieri sera a Sant'Arsenio quando l'uomo, un 26enne operaio edile di origini calabresi, ha dato i primi segni di squilibrio. La compagna ha portato via la figlioletta allertando le forze dell'ordine.
Sul posto sono giunti i Carabinieri, i vigili del fuoco, i sanitari dell'Humanitas e un mediatore che ha tentato di convincere l'uomo a desistere da ogni insano gesto e uscire da casa. Tentativi caduti nel vuoto fino all'alba di oggi quando i carabinieri hanno fatto un blitz, entrado nell’abitazione e bloccando il giovane prima che potesse reagire e farsi del male. Il ragazzo è stato portato in ospedale.

Lascia un Commento