71enne di Maiori muore dopo intervento al cuore, salma sequestrata

La Procura della Repubblica di Salerno ha aperto un’inchiesta dopo il decesso di Raffaele Pastore, ex operaio marittimo 71enne di Maiori morto sabato all’ospedale “Ruggi d’Aragona” di Salerno a causa di una complicanza seguita a un intervento cardiaco.

Sono stati i familiari a denunciare ai carabinieri l’accaduto, subito dopo il decesso. La salma è stata sequestrata in attesa dell’esame autoptico disposto dalla Procura.

Al vaglio degli inquirenti le cartelle cliniche dell’anziano per l’accertamento di eventuali responsabilità da parte delle equipe mediche dei tre centri in cui l’uomo è stato curato. Il 10 maggio scorso l’uomo venne sottoposto ad un intervento per la sostituzione di una valvola cardiaca in una clinica di Mercogliano, in provincia di Avellino. Ricoverato poi in un centro riabilitativo e dimesso poco dopo, le sue condizioni di salute si aggravarono. Fu quindi ricoverato d’urgenza nei giorni scorsi al Ruggi di Salerno a causa di un’infezione sopraggiunta dopo l’intervento dove è morto sabato mattina

Lascia un Commento