71enne di Maiori morto al Ruggi, 27 indagati in 3 centri ospedalieri

Sono in tutto 27 gli indagati, tra medici e infermieri, per la morte di Raffaele Pastore, il 71enne di Maiori deceduto lo scorso 28 luglio nel reparto Malattie Infettive del Ruggi di Salerno per una complicanza sorta dopo un intervento per la sostituzione di una valvola cardiaca effettuato due mesi prima in una clinica di Mercogliano, in provincia di Avellino.

L’indagine riguarda ben tre centri ospedalieri nei quali si è consumata la degenza del paziente dal ricovero, avvenuto lo scorso 10 maggio fino alla morte sabato scorso.

Dei 27 indagati, 12 sono sanitari del Ruggi dove è morto, 10 della clinica Montevergine di Mercogliano dove è stato effettuato l’intervento chirurgico e 5 del centro riabilitativo dell’ospedale “Criscuolo/don Gnocchi” di Sant’Angelo dei Lombardi, in provincia di Avellino, dove il 71enne era stato trasferito l’8 giugno prima arrivare in gravissime condizioni al Ruggi.

Lascia un Commento