26 agosto 1982, a Salerno l’attentato delle Brigate Rosse. Intervista al questore Ficarra

Questa mattina in Piazza Vittime del Terrorismo a Salerno, si è tenuta la cerimonia per ricordare il tragico attentato terroristico del 26 agosto 1982 in via Parisi a Salerno che provocò la morte dell’Agente della Polizia di Stato Antonio Bandiera, dell’Agente Scelto della Polizia di Stato Mario De Marco e del Caporale dell’Esercito Italiano Antonio Palumbo. Oggi la deposizione di tre corone di alloro e un momento di preghiera anche alla presenza del Questore della Provincia di Salerno, Maurizio Ficarra.

Ricordiamo i fatti…

l’attentato avvenne alle 15 del 26 agosto 1982 all’incrocio di via Amato con Via Parisi. I terroristi, a bordo di due autovetture, bloccarono una micro colonna dell’89° Battaglione Fanteria Salerno che dalla Caserma Cascino stava raggiungendo la Caserma Angelucci, allo scopo di rubare le armi. I malviventi aprirono il fuoco contro il Caporale Palumbo che aveva tentato di reagire, uccidendolo. Udendo gli spari, una pattuglia della Squadra Volante “113” si recò subito sul posto, ma i brigatisti aprirono nuovamente il fuoco uccidendo l’agente Antonio Bandiera, che era guida e ferirono gravemente l’agente Mario De Marco che fu trasportato all’ospedale di Napoli dove morì il successivo 30 agosto.

Ascolta il questore Ficarra al microfono di Monica Di Mauro

Questore Ficarra su attentato

Lascia un Commento