Sarno, il Consiglio Comunale approva tutti gli argomenti, tranne gli immobili abusivi

Il Consiglio Comunale di Sarno ha approvato all’unanimità l’adesione a una nuova centrale di committenza per dare celerità alle gare d’appalto. Devono andare in appalto viale Margherita, il restyling della pubblica illuminazione, il teatro De Lise e altre opere.

Il Comune, poi, utilizzerà altri fondi della Legge post sisma 80, la 219, per studi sulla verifica sismica delle scuole, dopo averne utilizzati altri per la De Amicis, la piazza di Lavorate e la ricostruzione del muro di via Tuostolo.

L’amministrazione Canfora è la prima – si legge in una nota – che apposta tante somme sulla verifica degli edifici scolastici. La scuola resta al centro anche per la realizzazione di nuove opere, come Episcopio e Lavorate, riqualificate, e un nuovo asilo.

Il Consiglio Comunale ha inoltre votato, con i soli voti della maggioranza, il bilancio consolidato esercizio 2016 e la revisione straordinaria delle società partecipate. E’ stata votata invece all’unanimità la delibera che prevede la donazione al Comune da parte dei proprietari del Castello Medievale. Il bene apparteneva alla famiglia Apicella-Paolucci.

Unico argomento non approvato, per mancanza del numero legale, la demolizione degli immobili abusivi.

Lascia un Commento