SALERNO – Salernitana e Treviso: un confronto testa-coda

La classifica dice che Treviso-Salernitana è un testa-coda, confronto tra i granata che insistono a soli tre punti dalla vetta e i veneti di Gotti (partiti però con 4 punti di penalizzazione) ultimi con sette punti. Treviso-Salernitana stando ai numeri sarebbe un testa-coda ed invece non è così perchè il più equilibrato campionato cadetto degli ultimi cinque anni sta facendo della “sorpresa” la sua caratteristica peculiare. Il concetto è stato più volte ribadito da Castori al suo gruppo chiamato, comunque, a scacciare i fantasmi di una pseudo-crisi tanto inspiegabile quanto subdola. Quattro punti nelle ultime cinque partite, con ben tre sconfitte sul groppone (due in trasferta); la Salernitana ha sicuramente perso l’abbrivio di inizio stagione e insieme alla brillantezza sfoggiata all’esordio i granata hanno smarrito anche sicurezza e fiducia nei propri mezzi. Per questo, soprattutto per questo, il test del Tenni è atteso con legittima impazienza da tutto l’ambiente, società in testa. Da valutare le condizioni di Tricarico e Scarpa entrambi a rischio. Il mediano accusa qualche linea di febbre, Scarpa è alle prese con una botta al ginocchio. Non è da escludere che Castori in considerazione di una partita che si preannuncia aspra e combattuta, privilegi una formazione tutta corsa, cuore e garretti; così fosse potrebbe anche decidere di risparmiare i due centrocampisti avendo in “canna” giuste alternative: Giampà e Russo. Al Tenni tornerà in squadra anche Marchese. Scontata la squalifica, il terzino siciliano potrà giocare la sua partita speciale da ex. Per lui, finora, quella con il Vicenza è stata l’unica gara saltata. Marchese completerà il reparto con Kyriazis, Fusco e Peccarisi che giocherà con una mascherina di protezione al viso. A centrocampo detto dei dubbi relativi a Tricarico e Scarpa troveranno posto, a prescindere, Pestrin e Giampà. Con Fava out, appare fondamentale il rientro di Turienzo, che non parte titolare dalla vittoriosa trasferta di Piacenza. L’argentino farà coppia con Di Napoli a caccia di un gol che manca all’appello dallo scorso 18 ottobre.

Lascia un Commento