SALERNO – Preoccupazione per la soppressione di molte classi negli istituti superiori.

A 40 giorni dall’inizio ufficiale delle lezioni nelle scuole campane, esplode la polemica per la soppressione di molte classi in vari istituti di tutta la provincia di Salerno, con il conseguente trasferimento degli studenti in altre scuole o ad altri indirizzi, come nel caso del Santa Caterina di Salerno dov’è stata annunciata la soppressione della terza ad indirizzo linguistico, unico in tutta la provincia. Gli studenti che si trasferiranno in altre scuole dovranno anche sottoporsi ad un esame a pagamento. Infiamma la polemica anche anche a Sala Consilina e Sapri dove si prospetta, con la soppressione delle varie classi, a lungo andare, addirittura la chiusura di due istituti. E intanto l’assessore provinciale al ramo, Iannone ha annunciato che incontrerà domani mattina il dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale, Iannuzzi. Al centro dell’incontro anche la possibilità di chiedera una deroga al numero minimo di 20 iscritti, pena la soppressione delle classi, per quelle zone della provincia di Salerno che sono interssati da particolari situazioni morfologiche e logistiche.

Lascia un Commento