SALERNO – Intervento della Coldiretti sul sequestro di cibo a Capaccio

Sul sequestro del cibo avariato effettuato dai carabinieri a Capaccio è intervenuta la Coldiretti Salerno, secondo cui il sequestro conferma la necessità di tenere alta la guardia contro le frodi a tavola, che nel 2008 sono aumentate del 32%. Il presidente della Coldiretti Salerno, Pietro Caggiano, in una nota, ha ricordato che nel 2008 ha raggiunto un totale di quasi 159 milioni di euro il valore dei cibi e delle bevande sequestrate dai carabinieri dei Nas. Il maggior numero di arresti si è verificato nel settore degli oli e grassi con 41 persone interessate, seguito dalla ristorazione con 6 arresti e dal settore delle carni e degli allevamenti con 2 arresti. Per quanto riguarda i sequestri, sottolinea la nota Coldiretti, i settori maggiormente interessati sono quelli delle carni, delle conserve alimentari, dei vini e alcolici e del latte e derivati.

Lascia un Commento