SALERNO – Elezioni, è questione di morale

Il processo sulle presunte manovre urbanistiche azzardate sui suoli della ex Ideal Standard di Salerno si aprirà solo il prossimo marzo, ma il rinvio a giudizio che ha riguardato 44 persone, tra cui anche il primo cittadino Vincenzo De Luca, apre, nell’immediato, un procedimento interno al Partito Democratico che dovrà, necessariamente, arrivare ad una decisione in tempi rapidi. Il motivo di tanta fretta si chiama “questione morale” ed è la ragione per la quale in Abruzzo Ottaviano Del Turco, è stato messo fuori dalla competizione elettorale. E’ la causa anche dei tanti strappi politici che, proprio in queste settimane, stanno colpendo il Governatore della Campania Antonio Bassolino ed il sindaco di Napoli Rosa Russo Iervolino.
Il principio è abbastanza chiaro e semplice: chi è coinvolto in procedimenti giudiziari che attengono l’attività di pubblico amministratore non deve partecipare alle competizioni elettorali. Punto e basta. Una regola discutibile nel merito, sicuramente, ma che il Partito Democratico ha deciso di porre alla base delle future scelte elettorali.
E così, anche a Firenze, il sindaco del capoluogo toscano, coinvolto in una indagine molto delicata, è stato abbandonato dal suo partito, arrivando a tenere una manifestazione di protesta dinanzi alla sede del Gruppo Editoriale L’Espresso.
Cosa accadrà adesso per la vicenda che coinvolge il sindaco di Salerno? La questione De Luca, il suo rinvio a giudizio nella inchiesta sulla gestione dei suoli della Ideal Standard, travalica i confini comunali, perché è legata anche alla possibile candidatura del primo cittadino alla carica di Governatore della Regione Campania.
I detrattori di De Luca all’interno del Partito Democratico (l’elenco è abbastanza lungo ) proveranno a far scivolare la discussione proprio sulla “questione morale”, tentando di bloccare dall’inizio ogni progetto politico che lega il nome del primo cittadino a quello della poltrona piu’ importante della Regione Campania.

tratto da www.agendapolitica.it

Lascia un Commento