SALERNO – Apertura anno giudiziario, un riferimento ad Apicella

Inevitabile, nella cerimonia di apertura dell’anno giudiziario a Salerno, un riferimento alle vicende legate allo scontro fra procure che ha portato alla sospensione da funzione e stipendio il capo della Procura Lugi Apicella. La estrema vicinanza degli accadimenti, la doverosa riservatezza, la non perfetta conoscenza degli atti giudiziari, il dovuto rispetto agli organi istituzionali ed a quelli giudiziari mi impongono di tenere il massimo riserbo", ha detto il presidente facente funzione della Corte di Appello di Salerno, Matteo Casale, nella sua relazione di apertura. Casale ha ribadito la preoccupazione per quanto accaduto e che "la vicenda e la forte risonanza mediatica poteva incidere sulla già altalenante credibilità del Paese nelle istituzioni giudiziaria". Sull’argomento è intervenuto anche il rappresentante del Csm Ciro Riviezzo il quale ha evidenziato che la sua presenza a Salerno è non per affermare l’autorevolezza del Consiglio Superiore della Magistratura, ma condividere le ragioni di una scelta dolorosa ma necessaria".

 

Lascia un Commento