SALERNITANA – Oggi in palio la salvezza

La vittoria del Piacenza a Pisa è uno di quei risultati che apre il cuore alla speranza, che rafforza l’idea di un finale di stagione all’insegna della regolarità. Un risultato, soprattutto, che permette alla Salernitana di poter sperare con maggiore convinzione nell’ipotesi salvezza. Due gli effetti del pesante 1-3 maturato all’Arena Garibaldi. Il primo: il Pisa è da ieri sera, a tutti gli effetti, una seria candidata alla retrocessione, finanche diretta. Il secondo: il Piacenza, salito a quota 52 punti, è ufficialmente salvo e ciò permetterà al Mantova, prossimo avversario al Garilli, di giocare sul velluto. Ragionamento abbastanza complesso per dire che, all’ultima giornata, la Salernitana potrebbe anche affrontare una squadra non assatanata di punti. Ma il risultato, per molti versi sorprendente, maturato nell’anticipo della 40ma giornata non toglie e non aggiunge nulla all’importanza della sfida in programma al Del Duca perchè alla Salernitana, per potersi salvare, servono ancora sette punti, ovvero due vittorie ed un pareggio. Due vittorie, la prima delle quali da cogliere questo pomeriggio contro i bianconeri di Colomba ormai virtualmente salvi. L’occasione è propizia e non bisognerebbe lasciarsela scappare. Si dirà: anche un punticino al Del Duca potrebbe permettere alla salernitana di rimanere a galla! D’accordo, ma significherebbe, poi, arrivare all’ultima gara della stagione con la necessità assoluta di dover sbancare Mantova che non è propriamente una cosa né bella, né facile. L’appuntamento con la vittoria in trasferta, allora, non può essere rimandato a tempi migliori. Se la Salernitana vuole la salvezza, merita la permanenza in cadetteria e, soprattutto, ha la forza per poterlo fare, deve dimostrarlo oggi. Ad Ascoli, a caccia dei tre punti, con Merino e Fava dal primo minuto mentre in difesa è scontata la riproposizione del quartetto visto all’opera contro l’Avellino, con Russo e Fatic a presidiare le due corsie esterne, Fusco e Kyriazis a comporre la coppia centrale. Possibile anche la presenza di Pinna tra i pali. A centrocampo Brini affiderà a Pestrin, Soligo e Tricarico il presidio della zona centrale, Ganci giocherà a sinistra.

Lascia un Commento