SALERNITANA – Lombardi ingaggia Brini

Antonio Lombardi ha ripianato le perdite della Salernitana creando così i presupposti formali per l’iscrizione al prossimo campionato cadetto. Nel giorno del 90mo compleanno della Salernitana, compleanno a tutti gli effetti dopo l’acquisizione dell’Ippocampo, il massimo dirigente fatto ciò che il socio Vittorio Murolo gli chiedeva da tempo: una prova di forza e di solidità economica. Questa mattina anche in assenza dell’imprenditore di Cassino, rimasto in sede per sbrigare alcune faccende, Lombardi ha provveduto ad adempiere a tutti gli obblighi di legge presso lo studio del notaio Malinconico. A rappresentare Murolo che ora ha a disposizione 30 giorni per sottoscrivere per la sua parte il capitale sociale, pena la perdita delle azioni in suo possesso, c’era il commercialista Gianni De Vita che ha verificato il perfetto espletamento delle formalità di rito. Lombardi ha sottoscritto un versamento di circa un milione di euro, cifra necessaria per saldare tutte le pendenze e prepararsi con le carte in regola all’appuntamento con la Covisoc. A questo punto, a meno di clamorose ed inattese novità, cadono tutte le incognite sul futuro della Salernitana, almeno dal punto di vista formale. Altra cosa, invece, è la sostanza perchè a margine della partita a distanza tra Antonio Lombardi e Vittorio Murolo viene fuori un quadro poco rassicurante dal punto di vista economico. Nella migliore delle ipotesi Lombardi e Murolo proseguiranno formalmente insieme l’avventura, ognuno per la propria quota parte, ma verranno meno gli investimenti extra-budget di cui l’imprenditore di Cassino si è fatto spesso carico in queste due stagioni e che, in questi giorni, sono stati il vero motivo del contendere tra i due. In poche parole, prendendo spunto da quanto lo stesso Lombardi ha dichiarato sul sito ufficiale, la Salernitana porterà avanti un programma all’insegna dell’austerity, inutile attendersi, insomma, progetti tecnici di grande respiro. Investimenti ridotti all’osso che, però, non significa a priori scarsa competitività della Salernitana; molto dipenderà anche dalle capacità individuali dei collaboratori che Lombardi ha scelto: Guglielmo Acri e Fabio Brini che ha firmato stamattina il contratto che lo legherà alla Salernitana anche per la prossima stagione. Consapevole dei rischi e delle difficoltà a cui potrebbe andare incontro, Brini ha deciso di accettare la proposta di Lombardi. Scelto il tecnico, sono caduti anche i veli sull’investitura del nuovo operatore di mercato. Antonio Lombardi ha da tempo scelto Guglielmo Acri per il ruolo di direttore sportivo. Resta sempre da sciogliere il nodo Fabiani. Il dg resta al suo posto ed aspetta comunicazioni dalla società.

Lascia un Commento