SALERNITANA – Giorni caldi

Giorni importanti per l’assetto societario della Salernitana. Un mese fa, Antonio Lombardi aveva effettuato la ricapitalizzazione, mentre Vittorio Murolo aveva preferito prendere tempo. Il vicepresidente, che aveva manifestato qualche perplessità sui conti del club, pare deciso ora a chiedere il conto all’amico e socio. Murolo ha investito tanti in due anni, si parla di una cifra vicina agli 8 milioni di euro, e si aspetta un indennizzo per la sua uscita di scena. Se così non fosse, nel caso in cui non si trovasse un acquirente per la sua parte di azioni o se Lombardi non riuscisse a rilevarne le quote, Murolo sarebbe intenzionato a restare nella Salernitana aumentando la sua partecipazione sociale. L’imprenditore di Cassino vorrebbe il 50% delle quote al fine di poter contare di più nelle decisioni inerenti la vita del club granata. Siamo alla stretta finale. Pochi giorni ancora e si delineeranno i futuri scenari societari della Salernitana. Intanto, domani la squadra scende in campo per il test contro una selezione locale. Dopo la sgambatura in famiglia dei giorni scorsi, Brini attende nuove verifiche e risposte confortanti. Al gruppo si sono aggregati Cammarata ed il neo acquisto Luca Brunetti, classe ’88, terzino destro reduce da un’esperienza con l’Isola Liri. Ha sottoscritto un biennale e sarà valutato durante il ritiro. Il diesse Acri sta lavorando per chiudere l’operazione Soddimo. Per l’esterno della Samp è testa a testa con l’Ancona. Millesi, Rivas e Job le altre opzioni. Per il ruolo di terzino sinistro sono in ballo i vari Rullo, Bonetti, Bonomi, ma anche Zavagno e Vitale. Proposto anche l’ex Tamburini, svincolatosi dal Modena. In uscita le situazioni più spinose riguardano Di Napoli e Coppola. L’attaccante potrebbe raggiungere il ritiro tra lunedì e martedì se nel frattempo non avrà trovato un altro club (il Vicenza è in pole) e, soprattutto, non avrà chiuso i conti in sospeso con la Salernitana. Coppola, invece, starebbe riconsiderando l’offerta del Potenza dove si è accasato Giannusa.

Lascia un Commento