SALERNITANA – Futuro incerto

Sfruttando al meglio un calendario in discesa, reso in qualche modo abbordabilissimo dall’insperato successo ottenuto dal Piacenza al Pisa – successo che di fatto ha stravolto equilibri, piani e strategie – la Salernitana ha centrato il risultato. Salvezza doveva essere e salvezza è stata! Si può ragionare a lungo sul come questo risultato sia arrivato, sulle difficoltà enormi che la squadra granata ha dovuto superare a margine di una stagione a dir poco tormentata ma intanto ciò che doveva essere è stato e a caval donato non si guarda in bocca! Vale questo anche perchè potremmo tranquillamente aggiungere che la Salernitana per salvarsi direttamente ha dovuto conquistare la bellezza di 51 punti, una dote che fino all’anno passato avrebbe garantito un tranquillo centro-classifica. Comunque è andata ed è inutile soffermarsi su quello che è stato; il campionato che abbiamo appena messo alle spalle con enorme soddisfazione è stato già oggetto di moltissime disamine tecnico-tattiche-ambientali ed è inutile ritornarci su. Piuttosto interessa, per non dire preoccupa, il futuro, ciò che accadrà da domani, da quando smaltita la legittima euforia per il risultato centrato occorrerà programmare il futuro. E qui casca l’asino. Perchè mentre altrove già sono in atto le grandi manovre, in qualche modo si comincia a preparare la prossima stagione, a Salerno ancora ci si interroga sulle reali intenzioni della proprietà a siamo già a giugno! Nota a margine: l’anno passato pur avendo vinto il campionato ad aprile, la Salernitana riuscì nella poco meritoria impresa di accumulare un enorme ritardo sui tempi di costruzione della squadra. Cosa potrà accadere l’anno prossimo visto che siamo già a giugno? Comunque. Lombardi, legato a filo doppio alle intenzioni di Murolo e agli scenari politici che andranno a delinearsi di qui a breve, sta riflettendo sul dafarsi non avendo certezze economiche sulle quali poggiare le sue idee. I tifosi attendono con ansia di conoscere nomi, progetti e programmi ma rimarranno delusi perchè di progetti tecnici al momento non ce ne sono e non ce ne saranno fin quando non sarà deciso il futuro del club, un futuro che definire nebuloso è dir poco anche sulla scorta di quanto dichiarato da Vittorio Murolo nel corso dell’ultimo appuntamento stagionale di Zona Mista. “Credo che il mio ciclo a Salerno sia finito. Mi adopererò per trovare un imprenditore capace e degno della piazza cui cedere le mie quote. Lombardi? Non so che idee abbia e comunque credo che in presenza di determinate situazioni sia molto difficile fare calcio a Salerno. Un autentico peccato perchè ci sarebbero tutti i presupposti per fare grandi cose. Ora mi prendo qualche giorno, poi ufficializzerò le mie decisioni”.

Una risposta

  1. STE 01/06/2009

Lascia un Commento