SALERNITANA – Brini scopre le carte

Primi gol e prime indicazioni dal ritiro di Nocera Umbra. Giungono dal test in famiglia che Brini ha fatto disputare ieri ai suoi che hanno dovuto fare i conti con temperature quasi proibitive. Il primo gol della nuova stagione, anche se si tratta solo di una partitella in famiglia, è stato di Giuseppe Statella. L’ex del Benevento ha sbloccato il risultato dopo 4′ ed è stato il mattatore del test con una tripletta. Brini ha contrapposto due squadre con identico modulo: 4-2-3-1. Salernitana A con Iuliano in porta, Kyriazis e Galasso terzini, Fusco e Stendardo centrali. In mediana, Pestrin regista, Soligo cursore al suo fianco. Il veneto, dopo essere stato spesso provato da esterno, è ritornato nel cuore del centrocampo anche perchè sulle corsie laterali Brini ha ora a disposizione, oltre a Statella, anche Pepe. L’ex avellinese è partito sulla corsia destra, mentre da trequartista ha agito Merino, come sempre catalizzatore di gioco e capace di regalare assist invitanti ai compagni, ma anche di andare in gol in prima persona. In prima linea è stato schierato Caputo, che per Brini è il centravanti titolare. Il giocatore di proprietà del Bari ha subito timbrato il cartellino segnando il terzo gol dei titolari. 5 a 0 il punteggio della prima frazione. Nella seconda c’è stato spazio solo per una rete, quella di Galasso. Tra le riserve s’è visto all’opera anche Carcuro, mentre nel corso della ripresa sono stati utilizzati anche i brasiliani Thiago ed O’prey. Per loro Brini ed Acri si sono riservati qualche giorno prima di un eventuale tesseramento. Il diesse granata sta lavorando per ingaggiare un terzino sinistro. Bonomi, Bonetto e Rullo sono i nomi più caldi. Per l’esterno di centrocampo restano in piedi le solite piste. Oggi, nel quartier generale della squadra granata, Acri ha ricevuto la visita di Davide Torchia, agente di Polito, ma anche di altri calciatori come l’attaccante georgiano del Palermo Michelidze, del terzino sinistro del Mantova Balestri e del giovane centrocampista della Roma Greco. Per il centrocampo c’è sempre un’idea Correa, ma la Lazio tratta solo sulla base di un prestito oneroso. Nessuna novità in uscita. Cammarata raggiungerà a breve il ritiro, Coppola effettuerà le visite mediche mercoledì prossimo. Di Napoli è in attesa. Se non dovesse trovare una sistemazione nei prossimi giorni, l’attaccante potrebbe salire a Nocera Umbra o allenarsi in città nel caso in cui la società gli mettesse a disposizione un preparatore atletico. Sul bomber c’è il concreto interessamento di alcuni club cadetti, come Frosinone, Vicenza, Reggina e Padova, ma Di Napoli, che non ha nascosto la sua amarezza per il trattamento riservatogli nei giorni scorsi da Lombardi, vuole prima sistemare ogni cosa con il club granata prima di levare le tende. Anche il patron in questi giorni ha qualche motivo di disappunto per la decisione del Comune di concedere l’Arechi alla San Marco Sport Events che sta curando l’organizzazione dell’amichevole di lusso tra Juventus e Villarreal del prossimo 7 agosto.

Lascia un Commento