SALERNITANA – Acri riparte dalla vecchia guardia

La Salernitana riparte dalla vecchia guardia. Nella serata di ieri sono stati raggiunti gli accordi per il prolungamento contrattuale del portiere Iuliano e di Salvatore Russo che, forte delle sue 38 primavere, si ritaglia il ruolo di chioccia del gruppo. Allungato di due anni il contratto a Rino Iuliano, aggregato al gruppo il giovane Robertiello di rientro dal prestito di Cassino, la Salernitana è ora a caccia di un portiere titolare. Berni, al momento, appare lontano, perciò si guarda in altre direzioni. Interessa Agliardi, rientrato al Palermo dopo una stagione altalenante al Rimini, ma l’ingaggio del portiere è alto e la società granata dovrebbe ottenere un sostanzioso aiuto proprio dal club rosanero. Tra gli svincolati Manitta appare quello più alla portata. Si allontana, invece, Padelli promesso dalla Sampdoria al Bari. Nel summit serale svoltosi ieri tra Acri e Brini si è proceduto per step. Il tecnico vuole partire, nella costruzione della squadra, dal pacchetto arretrato. La Salernitana deve ingaggiare due terzini titolari. A destra resiste la candidatura di Galasso, piace Cacciatore, ex Triestina, ma di proprietà della Sampdoria, a sinistra, per ora c’è solo il giovane Pippa fresco di convocazione in nazionale per le Universiadi. Piace, ma costa abbastanza, Bonetto rientrato alla Lazio dal prestito di Livorno se mai la trattativa potrà essere impostata questa avrà, chiaramente, tempi molto lunghi. Per completare la batteria di centrali per il momento composta da Fusco, Kyriazise Peccarisi la Salernitana pensa sempre al laziale Tuia. Per la mediana Acri è caccia di esterni. Il diesse granata è sulle tracce di giovani in grado di garantire entusiasmo e freschezza. A questo identikit corrispondono Soddimo della Sampdoria, Pepe dell’Avellino, Di Matteo del Palermo, l’interista Siligardi, il clivense Hanine. Discorso a parte per lo svincolato Erpen che l’agente Giuffrida ha proposto alla Salernitana in sostituzione di Scarpa. Brini ci sta facendo un pensierino. Per potenziare l’attacco in attesa di conoscere il destino di Ferraro e Di Napoli, il diesse Acri continua a corteggiare senza successo Massimo Ganci attratto dalla possibilità di vestire nuovamente il granata ma frenato dall’offerta economica presentata dalla Salernitana e giudicata per il momento ancora troppo esigua. Irrimediabilmente chiuso, invece, il discorso Fava.

Lascia un Commento