POTENZA – Arresto Postiglione e altre 8 persone, 150mila euro per Potenza -Salernitana

Il presidente del Potenza calcio Giuseppe Postiglione in alcuni casi effettuava forti scommesse, e in altri "vendeva" la gara, come accaduto per il match contro la Salernitana, nel campionato 2007-2008, al prezzo di 150 mila euro. E’ quanto ha reso noto stamani, a Potenza, nel corso di un incontro con i giornalisti, il comandante provinciale di Potenza dei Carabinieri, colonnello Domenico Pagano, in seguito agli arresti ordinati dal gip di Potenza, Rocco Pavese, su richiesta del pm della Dda del capoluogo lucano, Francesco Basentini. In particolare sono otto le partite del campionato 2007-2008 di serie B e C1 su cui si è concentrata, per il momento, l’attenzione degli investigatori: Perugia-Potenza, Arezzo-Massese, Taranto-Sangiovannese, Ravenna-Lecce, Gallipoli-Crotone, Pescara-Pistoiese, Massese-Taranto e Sambenedettese-Potenza. Su queste il risultato era concordato e poi "utilizzato" per scommesse il cui introito per Postiglione, secondo gli inquirenti, sarebbe stimabile intorno ai 400 mila euro. Gare su cui esiste "una regia occulta a livello nazionale", ha evidenziato Pagano, non sempre direttamente legata alla dirigenza delle squadre coinvolte. Ci sono poi i casi di Potenza-Salernitana, "pilotata" da Postiglione, che avrebbe anche impedito ad alcuni suoi giocatori di entrare in campo, e di Potenza-Gallipoli, con un primo "invito" a perdere la gara rivolto ai pugliesi, trasformatosi poi in minacce ai dirigenti e giocatori.

Lascia un Commento