NAPOLI – Tornava a casa a Lauria, ucciso durante una rapina

Tornava a Lauria in provincia di Potenza per le vacanze di Natale, Francesco Lamboglia, di 48 anni, ucciso a Napoli durante una rapina. Proveniente dal Nord Italia, l’operaio si era fermato a Napoli per comprare qualche regalo, ma i rapinatori l’hanno colpito a coltellate senza pietà per portargli via il portafogli e il cellulare. Lamboglia è stato trovato in una pozza di sangue, nei pressi della stazione centrale, colpito con tre coltellate al cuore, a un fianco e a un gluteo. E’ stato visto da alcuni passanti che hanno chiamato il 118. Gli operatori sanitari giunti sul posto non hanno potuto far altro che constatare la morte dell’uomo.

Lamboglia abitava, insieme con la moglie Maria, di 47 anni, e il figlio, Nicola, di 25 anni, in contrada Santo Iorio a Lauria, in provincia di Potenza, dove si era trasferito da Maratea. Lavorava come operaio per un’impresa di Sesto Fiorentino impegnata in lavori autostradali. Al figlio aveva fatto una telefonata sabato sera annunciandogli l’imminente arrivo. Lamboglia era a Napoli, forse per prendere un altro pullman necessario per raggiungere la sua cittadina di residenza dove non è mai arrivato.

Lascia un Commento