NAPOLI – Respinta una nuova richiesta di arresto per Cosentino

Il gip del Tribunale di Napoli Raffaele Piccirillo ha respinto una nuova richiesta di arresto nei confronti del sottosegretario Nicola Cosentino che era stata avanzata dalla procura di Napoli nell’ambito di una inchiesta sullo smaltimento di rifiuti a Napoli. Si tratta dell’inchiesta che ha portato oggi all’arresto dell’imprenditore Cipriano Chianese. Piccirillo è lo stesso magistrato che invece, nel corso delle indagini sulle presunte collusioni con il clan dei Casalesi aveva emesso una ordinanza di custodia in carcere nei confronti del parlamentare del Pdl che è stata comunque respinta dalla Camera dei deputati. Il coinvolgimento di Cosentino nella nuova inchiesta, secondo quanto si è appreso, farebbe riferimento in particolare al suo ruolo nell’Impregeco, un consorzio realizzato per lo smaltimento dei rifiuti. L’ipotesi di reato formulata nei suoi confronti sarebbe di corruzione, in concorso con altri indagati, tra i quali Giuseppe Valente, presidente del consorzio e ritenuto uomo vicino a Cosentino.

Lascia un Commento