- Il piccolo Armandino sta meglio. La famiglia ringrazia la Salernitana e i tifosi - A Cava de' Tirreni presentato il piano di attuazione della salvaguardia ambientale (AUDIO) - Nelle scuole di Giffoni Valle Piana un progetto per il recupero degli oli esausti (AUDIO) - Incidente sul lavoro a Castellabate. Morto un operaio di 45 anni - Riorganizzazione piano sanitario. Al 'Curto' di Polla ci si interroga sul futuro (AUDIO) - Calcio: le ultime novita' delle squadre campane di calcio (AUDIO) - IN CINQUE MINUTI Canfora annuncia avvio lavori sulle strade. Il punto anche su vertenza GORI (AUDIO) - Jobs Act e trasparenza sugli appalti, il parere della segretaria Cgil Maria Di Serio (AUDIO) - Eboli: scuola chiusa per la presenza di topi - Montano Antilia: truffa all'inps; tre nei guai
venerdì 27/03/2015 ore 09:07
:. Cronaca .:

martedì 21 dicembre 2010 - 11:21
SALERNO - Arrestati i fratelli Forte, riconosciuti colpevoli dell'omicidio Acconcia avvenuto nel 90

   

Riconosciuti responsabili dell’omicidio dell’imprenditore salernitano Vincenzo Acconcia, commesso nel 1990 sul Masso della Signora, i fratelli Antonio e Gennaro Forte, di 60 e 56 anni, sono stati arrestati nella tarda serata di ieri dai Carabinieri del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Salerno in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla Corte di Assise di Salerno. I fratelli Forte, considerati elementi di vertice dell’omonimo clan camorristico, egemone a Baronissi, sono stati condannati alla pena dell’ergastolo per i reati di concorso in omicidio pluriaggravato, estorsione tentata ed altro, rilevando il pericolo di reiterazione dei reati. Secondo le indagini dei Carabinieri di Salerno, i fratelli Antonio e Gennaro Forte, con altri 27 soggetti, erano stati già condannati, per associazione camorristica, nell’ambito della cosiddetta operazione “GATTOPARDO” condotta nell’Aprile 2001. Antonio Forte, tra l’altro, sta già scontando un ergastolo per l’omicidio di Tommaso Toriello, detto “ ‘o francese”, eseguito, a Lancusi di Fisciano nell’agosto 83. Il fratello Gennaro invece è stato arrestato nella propria abitazione di Baronissi e tradotto presso la Casa Circondariale di Salerno-Fuorni.

Autore: Redazione di Radio Alfa scrivi alla redazione


 

Lascia un commento


(non verrŕ pubblicata)

Come misura di sicurezza nei confronti dei messaggi di spam automatici, inserisci per favore nel seguente campo la parola che compare nell'immagine:


Incidente sul lavoro a Castellabate. Morto un operaio di 45 anni

Eboli: scuola chiusa per la presenza di topi

Montano Antilia: truffa all'inps; tre nei guai

Maltratta la moglie e viola la sorveglianza, arrestato il capostipite degli zingari di Agropoli

Fermati due Carabinieri per la rapina ad Ottaviano. Morto uno dei feriti

Immigrazione clandestina, due salernitani coinvolti. Il parere del vice questore De Salvo (AUDIO)

Due salernitani a capo di un'organizzazione nazionale che favoriva l'immigrazione clandestina

Truffa all’Asl Salerno negli ospedali di Nocera e Pagani

Dal tetto dell’abitazione si mostra nudo alla vicina di casa. Uomo di Sala Consilina condannato

Senatrice Saggese: 'da inchiesta Eboli ombre su Primarie'